Contenuto principale

Messaggio di avviso

L'uomo non smette di giocare perche invecchia, ma invecchia perche smette di giocare.

 

La nostra storia

Nei primi anni ’70 Emma Castelnuovo con la sua “Esposizione di Matematica” ha gettato un seme importante nel percorso di formazione di tanti docenti; uno di questi semi è spuntato e si è sviluppato all’ITIS Giordani di Napoli dove abbiamo cominciato nel lontano ’92 con il progetto “Giochi matematici” divenuto poi “Invito alla matematica” e infine “Eureka”.

Abbiamo iniziato in sordina, con l’incredulità e lo scetticismo di alcuni che si chiedevano cosa trattenesse gli allievi fuori dall’orario scolastico fino a  tarda ora a cimentarsi con la matematica, che solo poche ore prima sembrava essere più un temibile strumento di selezione che qualcosa capace di motivare

Nel 2000 abbiamo cominciato ad “allargarci”, abbiamo conquistato consensi e uno spazio che i pionieri di Eureka hanno reso vivibile con la loro fatica manuale e che tutti quelli che li hanno seguiti hanno tenuto in piedi con la loro creatività e con il loro entusiasmo.

La mostra finale che chiude tradizionalmente il progetto Eureka è stata sempre un’allegra palestra della mente, un banco di prova per gli allievi-maestri, un incontro tra ragazzi e docenti di scuole diverse, una festa, ma anche una  grande gratificazione per tutti quelli che hanno creduto in questa impresa dedicandovi un numero indicibile di ore di lavoro.

Nel 2004, dopo aver smontato e rimontato, depositato qua e là i nostri materiali,  riusciamo a realizzare un sogno nel cassetto: uno spazio permanente da curare, da coltivare, da far crescere insieme, che riusciamo ad attrezzare in maniera significativa vincendo per vari anni il concorso per la diffusione della cultura scientifica indetto dal Ministero, oltre al concorso 100 scuole indetto dalla Fondazione San Paolo.

E insieme al nuovo laboratorio nasce anche la bellissima esperienza della “Mostra itinerante” che viene portata, oltre che all’Università Federico II e a Città della Scienza, in moltissime scuole elementari, medie e superiori.

Quest’anno sia pure con risorse umane e materiali minori, la mostra va avanti e  si arricchisce di nuove esperienze con una presenza consistente del tema “matematica e realtà”.

Grazie a tutti quelli che negli anni hanno collaborato a questa impresa e anche a voi nuovi ospiti a cui chiediamo di contribuire affinché questo patrimonio non venga disperso e la pianta di quel lontano seme continui a crescere … giocando.

Coordinatrice del laboratorio Eureka

Prof.ssa Patrizia Giannotti